orientamento

Domani sarò ciò che oggi ho scelto di essere.

Una nuova scuola, nuovi professori, nuove regole, nuove aspettative..

Al primo anno la lezione di Orientamento cerca di creare lo spazio adatto all'espressione da parte dei ragazzi dei loro bisogni, aspettative, dei loro sogni e dei loro desideri.

Tutto questo viene favorito dalla condivisione con il gruppo attraverso giochi, role playing, visione di film e cortometraggi, discussioni e confronti riferiti alla propria esperienza scolastica, sia precedente, che attuale e alle proprie attese nei confronti del futuro personale, formativo e professionale.

Come si fa un Curriculm Vitae? È una delle cose che i ragazzi imparano durante le lezioni di Orientamento.

Il tutto inizia con il capire esattamente che cos'è un curriculum e a cosa serve, solo a questo punto si può passare alla compilazione delle voci in esso contenuto.

Dalla parte anagrafica, a quella delle esperienze formative a quella delle esperienze professionali i ragazzi insieme al docente, e attraverso un metodo fondato sulla collaborazione e lo scambio tra di loro, compilano passo per passo questo importante strumento per la ricerca attiva del lavoro.

E non dimentichiamo che spesso (dipende dalle specifiche richieste aziendali o dell'ente) il documento che ci viene richiesto deve essere in formato europeo, di conseguenza i ragazzi imparano anche a comprendere cosa significhi questo, cosa significhi per l'Italia e per noi cittadini italiani far parte di questo grande stato che è l'Europa.

Compilare un CV in formato europeo significa saper compilare le voci relative alle differenti competenze personali: relazionali, organizzative, tecniche, artistiche...

Sembra una sezione banale, in quanto si presuppone che ogni persona si conosca e sia in grado di descriversi, tuttavia, non è assolutamente così.

È molto difficile farlo per un adulto, pensiamo a come possa esserlo per dei ragazzi.

A tal proposito, la docente propone delle attività di conoscenza personali e di gruppo utili come attività di orientamento e conoscenza personale e necessari per facilitare la compilazione del CV.

Una di queste attività, per esempio, in gruppo consiste nello scrivere un aggettivo per descivere un compagno precedentemente scelto come protagonista, aggettivo che poi viene letto e discusso insieme.

Grazie a questa attività è possibile creare un momento di condivisione e di raggiungimento di una maggiore consapevolezza sia rispetto all'immagine degli altri sia rispetto alla propria immagine.

Ora il CV è pronto per essere consegnato.

Ora che i ragazzi possiedono un curriculum vitae, dove potranno cercare lavoro? Attraverso quali strumenti di ricerca attiva? Come meglio potranno affrontare un futuro colloquio di lavoro?

A tutte queste domande si cercherà di rispondere durante le lezioni di Orientamento al 3' anno.

I canali con cui potranno proporsi e individuare gli annunci di lavoro sono molteplici e bisogna conoscerli e sperimentarli tutti (in fondo abbiamo un anno per approfondire questo argomento insieme).

E' importante che i ragazzi conoscano almeno i principali e sappiano quando, come e perché utilizzarli.

Altro argomento fondamentale è quello relativo al colloquio di lavoro. Il colloquio di lavoro, infatti, è uno dei momenti più importanti della propria vita; una manciata di minuti che possono decidere molto del proprio futuro e che vanno quindi spesi nel migliore dei modi. Ogni aspetto viene affrontato utilizzando metodi di role playing e sperimentato anche in sinergia con il Laboratorio Teatrale.

Infatti il Colloquio di Selezione è un passo decisivo nell’incontro tra domanda e offerta di un posto di lavoro; fondamentale è l’immagine che si trasmette di sé ed è quindi importante che i ragazzi conoscano ed imparino tutto il necessario per prepararsi al meglio.